Progetto HT-HG: High Tech-House Garden

Progetto HT-HG

High Tech –House Garden

La coltivazione in serra del futuro:
l’high tech al servizio dell’ortoflorovivaismo toscano
I.BRAIN SRL - Progetto finanziato dal POR FESR Toscana 2014-2020”

Progetto HT-HG

Nel sistema agroindustriale italiano le colture protette hanno notevole importanza sia per estensione (oltre 30.000 ha, EUROSTAT) sia per produzione di prodotti freschi a largo consumo e prodotti floricoli da esportazione. In tale ambito le innovazioni di tipo produttivo, strutturale ed organizzativo, tendono al commercio di prodotti di qualità e garantiti. Tale modello produttivo, pur avendo in aree mediterranee un clima favorevole, si scontra con problemi energetici, ambientali ed economici, meglio gestiti in alcuni paesi del nord EU tradizionalmente più avanzati nel settore. In media il livello tecnologico delle coltivazioni in serra è basso, specie nei paesi del Mediterraneo come Italia, Turchia, Grecia e Spagna. Ma l'innovazione non manca, come dimostrato ad esempio in Belgio, Germania e Olanda, in paesi asiatici come Cina, Giappone e Korea ed è legata, tra le altre cose, all’utilizzo di sensori e alla riduzione dei consumi energetici. Sotto l’aspetto della difesa fitosanitaria e della sanificazione il grado di innovazione in Italia è particolarmente ridotto: attualmente si usano ovunque prevalentemente fitofarmaci. Il progetto intende rispondere all’esigenza di incrementare il livello tecnologico attraverso la realizzazione di una serra high-tech integrata di tecnologie sensoristiche e domotiche, controllate tramite un approccio ICT (information and communication technology), per lo sviluppo agronomico controllato di colture orticole e florovivaistiche, supportate da tecnologie innovative per stimolare la crescita e lo sviluppo di piante aumentando l’efficienza di uso degli agrochimici senza ulteriore utilizzo di prodotti di sintesi. In particolare, la serra HT sarà concepita per poter gestire in modo controllato ed efficace, efficiente e funzionale, differenti tipologie di colture con diverse esigenze colturali (es. in suolo e fuori suolo). La serra HT sarà un ambiente versatile e multifunzionale, dotato di sensori e sistemi di monitoraggio che permetteranno di acquisire dati e informazioni che un “cervello informatico” appositamente predisposto provvederà ad elaborare per poter eseguire efficaci controlli attivi (es. in retro-azione), ottimizzando così la gestione delle colture e fornendo un utile strumento di supporto alle decisioni. In tale serra high tech saranno allestiti sistemi di irrigazione e trattamento basati su una tecnologia innovativa, la tecnologia del plasma freddo (Non Thermal Plasma- NTP), per generare flussi di gas ionizzato da usare per trattare le piante e le acque di irrigazione, con proprietà sanificanti e di stimolazione della crescita e dello sviluppo vegetativo. La serra HT sarà dotata di un sistema di verifica della qualità, trattamento e recupero delle acque, da re-impiegare nella serra stessa, re-integrando solo i nutrienti effettivamente assorbiti dalla pianta, nell’ottica di una ottimizzazione del consumo idrico e dei prodotti chimici usati in fertirrigazione. Il sistema computerizzato di controllo e gestione dei dati ed informazioni della serra HT permetterà di automatizzare il sistema di coltura per la produzione di prodotti ortoflorovivaistici in tempi brevi e controllati, andando a dosare/agire in modo mirato e quantitativo solo sui parametri effettivamente efficaci, grazie alla elaborazione di appositi modelli matematici. Tale progetto costituisce una innovazione radicale nel settore ortoflorovivaistico italiano, per l'introduzione e la validazione di tecnologie integrate per la gestione evoluta della serra che porta alla riduzione/eliminazione di prodotti chimici, al recupero di acqua, all’ottimizzazione energetica e all’incremento di produttività delle specie coltivate e ad una più semplice gestione che nasce dall’unione di tecnologie ICT implementate nei tradizionali sistemi di coltivazione.